• Danilo Ceci

De Winter all'ultimo respiro! Il belga al rientro trascina i bianconeri all'impresa

Il calcio sa spesso essere in egual misura sia beffardo e crudele, che sorprendente e sublime. Poco più di un mese fa, in occasione del pareggio per 0-0 contro la Triestina,

Koni De Winter era costretto a lasciare anzitempo il terreno di gioco per un brutto infortunio alla spalla, che post diagnosi si scoprirà essere una lussazione.


Il centrale classe 2002 nativo di Antwerpen stava vivendo il suo magic moment con l'Under 23 ed era ormai da tempo nel giro della Prima Squadra, in quanto fortemente stimato da Max Allegri. La sfortuna si è però accanita con Koni ed ha voluto che il suo periodo di stop coincidesse con quello di grave emergenza nel reparto difensivo tra i grandi, con Rugani, Chiellini e Bonucci contemporaneamente ai box.


In questa circostanza non sarebbe stato difficile ipotizzare l'impiego in più occasioni dello stesso De Winter, che avrebbe coronato il sogno di disputare i primi prestigiosi minuti anche in serie A.


Il destino è stato beffardo, ma il belga è riuscito a ribaltare in meglio la sua prospettiva con un destro secco al volo su corner al 90', dopo soli 5 minuti dal suo ingresso in campo.

Un gol bellissimo, risolutivo, seguito da un urlo liberatorio del ragazzo e dei suoi compagni, corsi in branco ad abbracciarlo.


Tutto ciò proprio quando la gara sembrava ormai destinata allo 0-0. Nessuna delle due compagini dava davvero la sensazione di poter assestare all'avversaria il colpo del K.O, sebbene ai punti forse avrebbe meritato qualcosa in più la Pro Sesto, padrona di casa.


Senza i soliti Miretti, Aké e Soulé i bianconeri hanno fatto fatica a creare e costruire occasioni da rete. È bastato che Compagnon fosse meno ispirato del solito per far sì che la squadra perdesse di pericolosità e imprevedibilità.


I ragazzi di Zauli non sono mai riusciti a cambiare ritmo, rimanendo intrappolati nella morsa asfissiante del club lombardo, bravo a spegnere sul nascere ogni velleità dei rivali, con le buone e le cattive maniere.


Poi, all'improvviso, il lampo di De Winter, valevole il sesto risultato utile consecutivo per una Juve mai imbattuta per così tanto tempo in questa stagione.



Questo successo non porta a balzi in classifica, ma vede accorciarsi la distanza dal quinto posto, occupato ora in ex-aequo da Lecco e Triestina, lontane una sola lunghezza.


Otto partite separano l'Under 23 dal termine della regular season. L'obiettivo primario resta la qualificazione ai playoff con il più alto piazzamento possibile, in modo da avere meno difficoltà nella fase eliminatoria successiva. Il quinto posto, l'unico che permetterebbe l'accesso privilegiato alla fase nazionale dei playoff, è comunque tutto fuorché utopico e fino all'ultima giornata i ragazzi non esiteranno a dar battaglia.


Di fondamentale importanza sarà uscire indenni dal prossimo trittico infernale di sfide che vedrà i bianconeri opporsi a tre delle prime cinque forze del campionato, incluso quel SudTirol che sta dominando il girone A a suon di vittorie e clean sheet.


Zauli nel frattempo si augura di vedere confermati i buoni segnali che stanno accompagnando alcuni giocatori in stato di grazia come Israel - ieri migliore in campo -, Riccio, Compagnon, Zuelli e Barbieri, di farne salire di condizione altri ancora convalescenti quali De Winter, Barrenechea e Da Graca e di poter fare affidamento su almeno uno dei tre gioielli momentaneamente aggregati in Prima Squadra.


Servirà anche l'esperienza dei veterani fuoriquota, con Poli, Brighenti e Iocolano in prima linea.


Nulla dovrà essere dato per scontato, tutti i dettagli avranno importanza e a far la differenza, come sempre, saranno gli episodi. E un pizzico di fortuna, perché no, non guasterebbe.


Pro Sesto - Juventus U23 0-1


Reti: 89′ De Winter


Pro Sesto: Del Frate, Mazzarani, Maldini, Gattoni, Capelli (86′ Marilungo), Caverzasi, Capogna, Cerretelli (69′ Sala), Marchesi (64′ Brentan), Toninelli, Ghezzi (68′ Scapuzzi). All. Di Gioia. A disp. Bagheria, Serra, Della Giovanna, Gualdi, Grandi, Giubilato, De Sena.


Juventus U23 (4-2-3-1): Israel; Barbieri, Riccio, Poli, Verduci; Zuelli (77′ Leone), Sersanti; Compagnon (46′ Cudrig), Brighenti (69′ Pecorino), Iocolano (46′ Palumbo), Da Graca (85′ De Winter). All. Zauli. A disp. Raina, Siano, Anzolin, Barrenechea, Boloca, Lipari.



110 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti