• Pietro Uva

Benevento – Juventus 1-1: Una deludente “caccia alle streghe”



Ancora una volta in questa stagione la Juventus non va oltre un pareggio contro una neo-promossa. Questa volta è il Benevento dell’ex Filippo Inzaghi a bloccare i bianconeri che sembra non riescano proprio a trovare una continuità di prestazioni e risultati. Ci si aspettava sicuramente tanto dopo la prestazione insufficiente contro il modesto Ferencvárosi in Champions, ancora una volta però gli uomini di Andrea Pirlo hanno deluso le aspettative continuando a perdere punti in classifica.

Prima del gol di Letizia a fine primo tempo, la Juventus era in pieno controllo della partita con un buon giro-palla, diverse occasioni e il gran gol del solito Morata. Ma poi…il nulla! Il gol del pareggio della formazione campana sembra non abbia affatto scosso i giocatori bianconeri che, tranne un gol divorato da Morata dopo un’ottima iniziativa di Chiesa, hanno creato poco e niente, dimostrando una passività generale.

17 punti in 9 partite. Sicuramente non sono numeri da squadra che può lottare per vincere lo Scudetto. Il ringiovanimento della rosa sembra non abbia modificato un atteggiamento di una squadra che già la scorsa stagione, nonostante la vittoria del nono Scudetto di fila, pareva senza motivazioni, e che, ancora oggi, entra in campo senza la voglia di dominare e “mangiarsi” gli avversari. Senza la fame di vincere che ci ha caratterizzato in questi anni facendo paura sia in Italia che in Europa.

Siamo davvero “Cristiano Ronaldo dipendenti”? Cosa sta succedendo a Dybala? Perché soltanto alcuni giocatori danno il 100% in ogni partita? Ma soprattutto che intenzioni hanno i giocatori per questa stagione?

Credo sia inaccettabile (con tutto il rispetto per queste squadre) non riuscire a chiudere e a vincere partite contro squadre con un organico nettamente inferiore come Crotone, Benevento e Verona che hanno giocato con tutte le loro forze, e con una gran voglia di fare l’impresa. E credo sia allo stesso tempo inaccettabile vedere nei giocatori bianconeri un atteggiamo di passività e quasi di menefreghismo come accaduto all’Olimpico contro la Lazio.

Tra cartellini rossi, gol in fuorigioco millimetrico e infortuni vari la stagione è iniziata con una buona dose di sfortuna. Ci può stare, ma il tempo delle scuse è ormai terminato. Dovrebbe essere un piacere vedere questa squadra in campo. Una squadra formata da giocatori che farebbero i titolari nei top team europei facendo la differenza. Una squadra che dovrebbe far divertire ed emozionare per le vittorie, ma che sembra avere diversi giocatori troppo deboli caratterialmente per indossare questi colori.

Ora basta! E credo di parlare a nome della maggior parte dei tifosi juventini. Serve una scossa da parte di tutti. Dalla società, dall’allenatore e soprattutto dai giocatori. La pazienza sta pian piano terminando ed è giunto il momento di ricominciare ad avere certezze in un modo di giocatore che sembra ancora troppo confusionario. Serve una svolta e serve dare continuità ai risultati.

I bianconeri devono tornare a fare ciò che sanno fare meglio: vincere! Per la Juventus vincere è l’unica cosa che conta, ma per tornare a farlo è necessario tornare ad avere quella voglia quasi spietata di portare a casa i 3 punti. Il momento delle scuse è terminato, e nelle prossime gare ci si aspetta un cambio di rotta giocando con maggiore determinazione lottando fino alla fine come ci hanno fatto vedere nelle passate stagioni. Tornado finalmente a divertirsi e gioire per una vittoria!

33 visualizzazioni0 commenti
  • Bianco Instagram Icona
  • YouTube - Bianco Circle

Questo sito non è in alcun modo autorizzato o connesso con la Juventus F.C. S.p.A.


This website is in no way authorised or connected with Juventus F.C. S.p.A.

©2019 by Juniverse. Proudly created with Wix.com