• Danilo Ceci

Aké vittoria! La Juve Under 23 passa allo scadere e si porta a 6 punti. Soulé è una delizia

Ritorno ai tre punti per i ragazzi di Zauli nel match di recupero casalingo contro la Triestina, dopo 90 minuti intensi e densi di emozioni.

La sfida, inizialmente prevista il 4 settembre in occasione della seconda giornata di campionato, era stata poi rinviata a ieri, 22 settembre, per motivi tutt'ora poco chiari.


I giovani bianconeri, dopo un esordio vincente con la Pergolettese ed un ottimo cammino parallelo in Coppa, hanno subito due battute d'arresto consecutive in campionato contro Pro Patria e Pro Vercelli, che rischiavano di minare ogni certezza e creare un clima di sfiducia all'interno del gruppo.


Le prestazioni sono però sempre state all'altezza e, garantendo continuità in tal senso, era prevedibile tornassero presto i sorrisi.

Così è stato ieri, al termine di una gara ostica contro una Triestina zeppa di calciatori esperti e abituati alla categoria.

Ancora una volta la Juve ha dovuto far fronte ad un iniziale svantaggio, ma in questa occasione c'è stata l'insperata rimonta.

Proprio quando entrambe le compagini sembravano rassegnate al pari e orientate al non volersi più far del male, è arrivato il colpo di coda di Aké, che ha fatto schizzare la panchina bianconera in campo.


Un successo che mette di buon umore, gratifica giocatori e staff tecnico per il duro lavoro svolto nel quotidiano e nutre la consapevolezza che la strada intrapresa è quella giusta.


Zauli ha a disposizione una rosa profonda e di qualità, malgrado l'età media sia quella di una squadra da campionato Primavera. Avere cinque cambi a disposizione è un enorme vantaggio, e va sfruttato.

Chiaro esempio è stato il caso di Aké, subentrato a Sekulov al 57', e decisivo allo scadere con la zampata del definitivo 2-1.



Di importanza fondamentale è stato però aver agguantato il pari nella prima frazione di gioco, prima che le squadre andassero a riposo negli spogliatoi. Ciò ha permesso ai bianconeri di affrontare il secondo tempo con maggior serenità e senza il peso di dover rimettere in piedi la gara per l'ennesima volta.


Questo è stato possibile grazie a Sekulov, che ha firmato in scivolata sul secondo palo il gol del momentaneo 1-1, ma soprattutto grazie a Barbieri, colui che ha propiziato la rete con una splendida azione sulla fascia destra ed un assist col contagiri.


Va proprio al terzino classe 2002 ex Novara la palma del migliore in campo. Fa tutta la fascia con grande intensità, diligente dietro e propositivo davanti, lavora benissimo in catena a destra con Soulé e crea apprensioni continue ai triestini.


Promossa la coppia dei centrali composta da De Winter - unico insostituibile tra i difensori - e Riccio, quest'ultimo all'esordio stagionale in campionato. Entrambi solidi, concentrati e ordinati in fase di impostazione.


A centrocampo buona prova di Sersanti e Zuelli, al contrario di un Miretti parso giù di corda e molto più impreciso rispetto ai compagni di reparto.


Pecorino ancora fuori condizione. Davanti si sbatte come può ma soffre la marcatura a uomo di Volta, che ha l'età dei datteri e sa tenere a bada con sapienza l'avversario.


Decisivo Israel tra i pali con poche ma provvidenziali parate che han tenuto in piedi il risultato. Non sempre è lucido nella gestione del possesso sul pressing degli attaccanti avversari, ma in porta, nel suo habitat, è una molla.


Solita prova di spessore tecnico gigantesco di Soulé, il migliore dei suoi insieme a Barbieri. Accelera, dribbla, calcia, rifinisce, scambia. Non è mai domo, propizia il gol del 2-1 di Aké con un sinistro velenoso. Da lui ci si può aspettare qualsiasi cosa in ogni momento, è per l'Under 23 ciò che dovrebbe essere Dybala per la prima squadra. È tra i più giovani in rosa ma ha già addosso buona parte del peso offensivo bianconero.


2 vittorie e 2 sconfitte. 6 punti nelle prime 4 di campionato, score che non deprime ma non soddisfa completamente un gruppo squadra conscio dei propri obiettivi e di ciò che il proprio potenziale può permettergli di ottenere.


Un passo alla volta, senza ansia. Domenica c'è la Feralpisalò, assetata di vendetta dopo l'eliminazione patita in coppa proprio contro i bianconeri. Un'altra gara da vincere, possibilmente senza passare dal solito svantaggio.


Juventus U23 Triestina 2-1


Rete: 30′ Negro, 40′ Sekulov, 90’+2 Akè.


Juventus U23 (4-3-3): Israel; Barbieri, De Winter, Riccio, Anzolin; Sersanti (57′ Compagnon), Zuelli (72′ Leone), Miretti; Soulè, Pecorino (72′ Cudrig), Sekulov (57′ Akè). All. Zauli. A disp. Garofani, Raina, Leo, Stramaccioni, Poli, Palumbo, Da Graca, Brighenti.


Triestina: Martinez, Natalucci (80′ Rapisarda), Lopez, Volta, Iotti (67′ Paulinho), Procaccio (45′ Crimi), Giorno (62′ Angiulli), Trotta, Negro, Galazzi, Di Massimo. All. Bucchi. A disp. Offredi, Giannò, Araujo Capela, Baldi, Catania, Iacovoni.

134 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti