• Lino Basso

Juventus Women Under 19, sfuma lo Scudetto: Roma vittoriosa per 2-1

La Juventus Women Under 19 fallisce ancora l'opportunità di aggiudicarsi lo scudetto di categoria, e viene sconfitta dalla Roma per 2-1 al termine di una gara molto combattuta, che ha visto le giallorosse più solide e concrete davanti alla porta. Per le giovani bianconere hanno pesato le troppe insicurezze difensive e l'assenza dell'ultima ora di Alice Ilaria Berti, fuori per un problema al crociato che potrebbe tenerla lontana dal rettangolo di gioco per almeno tre settimane. Inizialmente in panchina Dalila Ippolito. Passano appena due minuti e la Juve è già sotto: Michela Giordano non riesce a contenere l'avanzata di Alice Corelli, che sgancia un tiro potente che si insacca alle spalle di Valentina Soggiu. L'estremo difensore bianconero però è determinante per evitare un tracollo psicologico ed evita numeri gol. Dalla traversa al minuto 13' su colpo testa di Heden Corrado la Juventus proverà a rimettere subito in piedi una partita cominciata male e proseguita meglio, nonostante i vari tentativi di acciuffare il pareggio siano stati vani.

Al 26' la Juventus subisce il secondo gol: un gran tiro da fuori area di Maria Grazia Petrara non lascia scampo all'incolpevole Soggiu, e le ragazze allenate da Silvia Piccini si trovano così costrette ad accelerare i tempi per realizzare almeno il gol che accorcerebbe le distanze. L'attacco bianconero ci prova fino alla fine, ma la retroguardia giallorossa e l'estremo difensore Ghioc, allontanano ogni pericolo. Nonostante la presenza di Giordano, la migliore del quartetto difensivo, il reparto arretrato della Juve è in seria difficoltà. Le folate offensive del duo Corelli-Landa rapprensentano sempre più di un pericolo, e nei momenti di ripartenza, le piccole bianconere non riescono ad affondare il colpo finale.

Nella ripresa entra in campo Ippolito, ed è subito traversa: la giovane argentina riceve palla su appoggio di Federica D'Auria, il suo tiro d'esterno si scaglia contro il legno, e si vede negare la gioia di un gol che avrebbe riaperto, e probabilmente, cambiato la gara. La sua presenza in campo dà quella carica a un gruppo che deve cercare di ribaltare, in un modo o nell'altro, una finale che sembra già nelle mani della Roma, ma al minuto 60' gli sforzi bianconeri vengono premiati.

Musolino calcia magistralmente un calcio di punizione che colpisce prima la traversa e poi termina in rete: un gol che lascia partire un grosso boato dalla panchina e dalle calciatrici in campo.

Il forcing finale bianconero dura a lungo, e la chance più grande capita sui piedi di Chiara Beccari, che riceve palla da Diana Talle e tira subito in porta, Ghioc in uscita respinge il suo tiro, lasciando sfumare quello che sarebbe stato il 2-2, e che avrebbe probabilmente portato la gara ai calci di rigore. Purtroppo però, a trionfare è la Roma.

La Juventus Women Under 19 fallisce così per la terza volta l'appuntamento con il titolo di categoria, dopo la clamorosa sconfitta per 4-3 patita per mano della Pink Bari tre anni fa, e dopo l'eliminazione in semifinale ad opera dell'Inter. Per Silvia Piccini ci sarà molto da lavorare sulla difesa, orfana della coppia centrale Brscic-Masu, con la prima finita in prestito all'Empoli in serie A, e la seconda al Cittadella in serie B, sempre con la formula del prestito. Ha sicuramente pesato l'assenza di Berti, e anche l'ingresso di Ippolito nella ripresa ha dimostrato che questa squadra ha bisogno di una marcia in più per poter partire al meglio nel campionato 2020-2021, che la vedrà sul campo del Brescia domenica 27 settembre. Oggi, la battaglia la vince la Roma. Ma la "guerra" deve ancora iniziare, e la Juventus Women Under 19 ci sarà, per giocarsela a viso aperto con chiunque e mantenere lo status di una delle favorite al titolo.

210 visualizzazioni
  • Bianco Instagram Icona
  • YouTube - Bianco Circle

Questo sito non è in alcun modo autorizzato o connesso con la Juventus F.C. S.p.A.


This website is in no way authorised or connected with Juventus F.C. S.p.A.

©2019 by Juniverse. Proudly created with Wix.com