• Danilo Ceci

Juve, così non va! Secondo K.O consecutivo dell'Under 23 contro la capolista

Come un trait d'union che lega la Juve dei grandi alle sue giovanili, sembra andare tutto - o quasi - male in questo inizio di stagione bianconero.


I risultati stentano ad arrivare più o meno a tutti i livelli, nonostante le prestazioni siano a tratti anche convincenti. E' sufficiente però una distrazione, il minimo errore, e l'inciampo è dietro l'angolo.


La squadra di Zauli arrivava a questo complicato match contro la Pro Vercelli - prima in classifica a punteggio pieno - con rinnovata fiducia, in seguito al brillante successo infrasettimanale in Coppa Italia di serie C. Il 3-2 inflitto alla Feralpisalò aveva mostrato una Juve in salute, forte, qualitativa, trascinata da uno straordinario Soulé, autore di una doppietta.


Per questo lascia quantomeno straniti l'approccio iniziale avuto ieri dai padroni di casa, inspiegabilmente molle e caratterizzato da un giro palla sterile e lento. Bianconeri che hanno quindi faticato ad entrare in partita, al contrario dei Vercellesi, perfettamente consapevoli di come andasse interpretata la gara.


Come spesso accade ormai da anni, la Juve passa in svantaggio alla prima occasione concessa. Minuto 17, ripartenza degli ospiti che culmina nella conclusione di Belardinelli, respinta corta di Israel e Macchioni insacca in rete da due passi.


Da quel momento la Vecchia Signora cambia volto ed aumenta i giri del motore. Soulé guida i suoi all'assalto ma prima Cudrig - in due occasioni - e poi Sersanti, falliscono delle preziose palle-gol. La chance più importante però è al 29': corner calciato da Miretti, gran colpo di testa di Leo indirizzato verso il secondo palo e clamoroso salvataggio sulla linea di Bruzzaniti. La panchina bianconera, illusa dalla prospettiva, era già schizzata in piedi pronta ad esultare.


Il secondo tempo inizia allo stesso modo in cui si era concluso il primo: la Juve è arrembante e produce un grande sforzo alla ricerca del pari. La Pro Vercelli regge come può e salva con i suoi difensori diverse situazioni pericolose nella propria area.



Nel miglior momento dei padroni di casa arriva però il 2-0 beffa: ripartenza dei sette volte scudettati, cross dalla destra e colpo di testa imparabile di Rolando, marcato da Stramaccioni con troppa superficialità. Tutto si fa ora tremendamente in salita per i ragazzi di Zauli e quest'ultimo fa ciò che è necessario, inserendo dalla panchina tutti i cambi offensivi possibili e immaginabili.


Nulla cambia: la Juve ci prova più di pancia che di testa e non fa altro che sbattere contro l'attento muro Vercellese.


All'improvviso l'episodio che può cambiare la partita: minuto 89', Pecorino si lascia andare dopo un leggero contatto e l'arbitro fischia il rigore. Dal dischetto si presenta Miretti, che ha nel suo destro l'opportunità di riaprire un incontro che sembrava chiuso. La conclusione dagli 11 metri impatta però sul palo, e lì vanno a schiantarsi tutte le residue speranze dei bianconeri.


Terzo rigore fallito su tre in questa stagione per la Juve, dopo gli errori dal dischetto di Ake nella scorsa giornata con la Pro Patria e di Compagnon con la Feralpisalò in coppa.


Costante negativa alla quale Zauli deve assolutamente porre rimedio: occorre designare un rigorista ed affidare a lui il compito in maniera definitiva. L'alternanza non fa bene a nessuno, desta insicurezza.


Malgrado l'esito della partita, non è comunque tutto da buttare.


De Winter, sempre più leader della difesa, ha offerto una prova di grande solidità, mostrando una calma e una sicurezza non propria di un diciottenne.


Propositivo Leo sulla destra. La tecnica è rivedibile ma l'agonismo e il cuore non mancano mai.


Soulé a corrente alternata, affida sulle sue spalle la quasi totalità delle iniziative offensive bianconere. Questo lo porta a volte ad eccedere negli individualismi ma la personalità non gli manca di certo.


Mercoledì ci sarà il recupero della seconda giornata di campionato contro la Triestina, nella speranza di tornare subito alla conquista dei 3 punti. Nessun alibi, forza ragazzi!


Juventus U23-Pro Vercelli 0-2


Reti: 17′ Macchioni, 56′ Rolando.


Juventus U23 (4-3-3): Israel; Leo (70′ Compagnon), de Winter, Stramaccioni, Anzolin; Miretti, Leone (80′ Zuelli), Sersanti (63′ Sekulov); Soulè (80′ Brighenti), Cudrig (63′ Pecorino), Akè. All. Zauli. A disp. Garofani, Raina, Riccio, Barbier, Palumbo, Da Graca.


Pro Vercelli (3-5-2): Tintori, Masi, Cristini, Rolando (70′ Della Morte), Emmanuello (66′ Vitale), Comi (70′ Bunino), Belardinelli (89′ Rizzo), Crialese (66′ Iezzi), Macchioni, Bruzzanti, Awua. All. Scienza. A disp. Rendic, Carosso, Auriletto, Silenzi, Sangiorgi, Clemente, Erradi.

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti